Voucher per la digitalizzazione delle PMI fino a 10.000€

Il Ministero dello Sviluppo Economico concede alle PMI fino a 10.000€ sotto forma di Voucher per la digitalizzazione

Acquista SolidWorks 2018 ora, in omaggio SolidFacile, una grande raccolta strutturata di video-corsi in italiano, integrati in SolidWorks.

DI CHE COSA SI TRATTA

Con delibera del Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica del 10 luglio 2017 pubblicata in Gazzetta Ufficiale n. 239, lo scorso 12 ottobre è stata completata la copertura finanziaria relativa ai Voucher digitalizzazione.
Con decreto direttoriale 24 ottobre 2017 sono state definite le modalità e i termini di presentazione delle domande di accesso alle agevolazioni.
Lo strumento mira a favorire la digitalizzazione dei processi aziendali e l’ammodernamento tecnologico delle micro, piccole e medie imprese.

A CHI E’ RIVOLTO

Possono presentare domanda le PMI indipendentemente dalla forma giuridica o dal regime contabile adottato, che abbiano sede legale e/o unità locale attiva sul territorio nazionale e che siano iscritte al Registro delle Imprese della CCIAA.
Non possono presentare domanda di agevolazioni le imprese che risultino attive nei settori esclusi dal Regolamento de minimis.

COSA PUO’ ESSERE FINANZIATO

Saranno agevolati gli investimenti in acquisto di software, hardware o servizi che consentano:
a) il miglioramento dell’efficienza aziendale, con particolare riferimento alla digitalizzazione dei processi aziendali;
b) la modernizzazione dell’organizzazione del lavoro, tale da favorire l’utilizzo di strumenti tecnologici e forme di flessibilità quali il telelavoro;
c) lo sviluppo di soluzioni di e-commerce, inclusi software specifici per la gestione delle transazioni on-line e per i sistemi di sicurezza della connessione di rete;
d) la connettività a banda larga e ultralarga (sono incluse, purché legate alle attività precedenti, le spese di attivazione del servizio sostenute una tantum, con esclusivo riferimento ai costi di realizzazione delle opere infrastrutturali e tecniche, quali lavori di fornitura, posa, attestazione, collaudo di cavi, e ai costi di dotazione e installazione degli apparecchi necessari alla connettività a banda larga e ultralarga);
e) il collegamento alla rete internet mediante tecnologia satellitare, attraverso l’acquisto e l’attivazione di decoder e parabole, purché le spese siano legate alle attività a), b) e c);
f) la formazione qualificata del personale nel campo ICT, quali spese per la partecipazione a corsi e per l’acquisizione dei servizi di formazione qualificata purché attinenti fabbisogni formativi strettamente correlati agli ambiti di attività a), b), c) e d).
Ai fini dell’ammissibilità al contributo, le spese connesse all’intervento di digitalizzazione dei processi aziendali e di ammodernamento tecnologico dell’impresa devono:
• essere avviate successivamente al provvedimento cumulativo di prenotazione del Voucher. Per data di avvio si intende la data del primo titolo di spesa ammissibile;
• essere ultimate non oltre sei mesi dalla data di pubblicazione del provvedimento cumulativo di prenotazione del Voucher. Per data di ultimazione si intende la data dell’ultimo titolo di spesa ammissibile, ancorché pagato successivamente.
L’impresa si obbliga a mantenere nei tre anni successivi alla data di erogazione del Voucher le componenti hardware e software agevolate nell’unità produttiva interessata dal progetto agevolato.

COME FUNZIONA

L’agevolazione consiste in un contributo a fondo perduto erogato sotto forma di voucher sino al 50% delle spese ammissibili, con un importo massimo di € 10.000.
I voucher saranno erogati in regime de minimis e le imprese dovranno dichiarare che l’importo del voucher richiesto non determina il superamento del massimale de minimis di loro spettanza, considerando gli altri aiuti ricevuti dall’impresa e dalle sue collegate.
E’ inoltre richiesto che le imprese non abbiano ricevuto altri contributi pubblici configurabili come aiuti di stato per le medesime spese. L’agevolazione è pertanto cumulabile con il superammortamento e l’iperammortamento.

 

Le domande potranno essere presentate fino alle ore 17.00 del 9 febbraio 2018. Già dal 15 gennaio 2018 sarà possibile accedere alla procedura informatica e compilare la domanda. Per l’accesso è richiesto il possesso della Carta nazionale dei servizi e di una casella di posta elettronica certificata (PEC) attiva e la sua registrazione nel Registro delle imprese.
La procedura informatica espone, in via preliminare, alcuni dati richiesti all’impresa proponente, acquisiti in modalità telematica dal Registro delle imprese. Ai fini della corretta compilazione della domanda, l’impresa proponente è tenuta a provvedere tempestivamente all’eventuale aggiornamento dei propri dati presso il Registro delle imprese.

SCARICA QUI IL DECRETO 

 

Contatta SolidWorld, compila il FORM

Nome:

Cognome:

Azienda:

Indirizzo:

Citta':

Telefono:

Email:

Note e altri prodotti/servizi ai quali e' interessato:

Accettazione Privacy: Letta l'informativa allegata, presto il mio consenso al trattamento dei miei dati personali per le finalità di carattere marketing / commerciale.